gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

QUESTIONI
DI PUZZLE

QUESTIONI DI PUZZLE

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Oggi rifletto sull'avere dei #modelli a cui ispirarti; aiutano, non c’è dubbio. Possono facilitarci nel mantenere una direzione, un focus. Controindicazioni? Se numerosi, possono rischiare di mettere in secondo piano la nostra #identità e la nostra unicità.

Qualche giorno fa un coachee mi descriveva in dettaglio il tipo di leader che intendeva diventare.

Denotando un alto livello di chiarezza e un grande lavoro preparatorio, mi elencava con dovizia di particolari le caratteristiche e le competenze che intendeva incarnare e padroneggiare, e per ognuna di esse aveva un modello, uno specifico riferimento da emulare.

Del tipo: “La comunicazione deve essere uguale a quella dell’Amministratore Delegato della mia azienda. Il modo di gestire i progetti, invece, identico a quello del Direttore R&D. La facilità a intessere relazioni voglio che sia quella del mio line manager. Eccetera.”

La chiarezza è positiva, in senso generale; il rischio qui è che trop de modèles, tue le modèle.

A mio avviso, può avere molto senso ispirarsi a una figura carismatica, a una persona che si reputa esemplare e che ci dia un senso di direzione. Ma spezzettare e personalizzare l’obiettivo, il goal in maniera eccessiva può diventare controproducente. 

Controproducente perché distrae dalla definizione del PROPRIO, UNICO, PERSONALISSIMO modo di raggiungere l’obiettivo e controproducente perché alla lunga richiede livelli di attenzione, vigilanza ed energia troppo elevati o addirittura insostenibili.

Una cosa era Canova, che si narra avesse un repertorio di bozzetti di arti e parti del corpo da lui reputate perfette, che poteva poi assemblare e riprodurre con calma nel marmo, componendo figure di grande armonia. Figure perfette, ma morte. Altra cosa è osservarsi (ottimo!) e, ad ogni piè sospinto, domandarsi se X avrebbe risposto in quel modo, se poi Y avrebbe alzato la voce o sarebbe arrossito, se Z avrebbe avanzato delle ipotesi, con quali parole K sarebbe stato convincente. Diventa dispersivo: toglie il focus da ciò che veramente conta, ovvero il proprio processo di sviluppo e il rispetto della propria unica e irripetibile identità.

Avere numerosi modelli mette in secondo piano se stessi, non contribuendo ad alimentare quel senso di autostima e autoefficacia, curiosità e coraggio, analisi e sintesi che sono alla base dell’edificazione e dell’affermazione del proprio modo – certamente perfettibile, come tutto, d’altronde – di comunicare, incarnare un ruolo, comportarsi ed essere.

Non siamo dei puzzle. E soprattutto non possiamo essere puzzle composti da tessere di puzzle altrui.

Se penso a me, più passa il tempo e meno ricorro a modelli.

Nella sfera non professionale, di riferimenti ne ho: quando penso al ruolo dell’imprenditore, per esempio, ho un’idea chiara, reale, che mi piace molto di imprenditore etico, coraggioso, visionario, “umano”. Se penso a una sublime capacità artistica, penso a un mix tra Sorrentino, von Trier e Lobo Antunes (e un altro paio, che cito e ti nomino spesso). Se penso all’impegno civile e politico, penso sempre e soltanto, nell’ordine, a Massimo Bordin e Marco Pannella (quanto mi mancano!).

Ma se penso all’esercizio della mia professione di executive coach e di manager, nonostante accolga sempre con estremo piacere feedback e tracce di miglioramento, oggi non ho modelli né riferimenti specifici e precisi. Lì, seguo ininterrottamente un percorso personale, aggiungo ogni giorno perle alla mia collana, il cui filo è il senso di miglioramento ed efficacia, che nasce dalla mia auto-osservazione e dalla direzione che mi sono dato e che comunque assoggetto a verifiche. Certo: delle figure che stimo ci sono, provo piacere e nutrimento da un confronto con loro, ma non sono “modelli”.

Non do lezioni, non do consigli e non voglio parlarti della mia storia personale come di un esempio virtuoso a cui ispirarti, ma posso affermare che questo equilibrio non mi fa distrarre, mi fa restare concentrato sulle cose importanti e mi fa onorare me stesso.

Quali sono le tue considerazioni a riguardo?

Quali sono i tuoi modelli attuali?

In quali situazioni ti aiutano?

E in quali ti limitano?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Picture of Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Un celeberrimo verso di Whitman recita: "Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)" Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi. Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

I contain multitudes

Un celeberrimo verso di Whitman recita: “Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)”
Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi.
Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.

Read More »
Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.
Senza categoria
Gianfranco

Insight

Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.

Read More »
Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!
Senza categoria
Gianfranco

Pater familias

Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!

Read More »
La nostra "Itaca", il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano. La "reason why" è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.
Senza categoria
Gianfranco

Itaca

La nostra “Itaca”, il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano.
La “reason why” è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.

Read More »
António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

António Lobo Antunes…

António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.

Read More »
Ho da poco conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.
Senza categoria
Gianfranco

Perché sono Team Coach

Ai primi di marzo ho conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.