gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

Schola
magistra vitae

Schola magistra vitae

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Voti sproporzionati, metodi non flessibili, ansia da performance, assenza di meritocrazia… Non è un nuovo film distopico, ma ciò che ho osservato anche quest’anno a scuola, in qualità di genitore. Il sistema-scuola necessita di un riorientamento, di cambiare rotta rifocalizzandosi sulla persona e recuperando il senso nobile e profondo della missione educativa...

Cicerone affermava che la storia è maestra di vita, ma credo che oggigiorno sia invece la scuola ad essere la candidata favorita al ruolo di “magistra vitae”. Ti spiego perché sono arrivato a questa conclusione.

PARS DESTRUENS

Il primo anno di Liceo Classico di mia figlia da poco concluso ha sollevato in me molte domande sul sistema educativo attuale: un anno scolastico che – oltre ad essere ovviamente caratterizzato da crescita e apprendimento – avrebbe dovuto rappresentare l’ingresso reale e simbolico nel ciclo di studio, di vita e di sviluppo culturale e personale più importante ed emozionante si è rivelato, per me, una delusione sotto molti aspetti.

Chiara non si è impegnata e non ha acquisito un metodo né una specifica consapevolezza e i docenti – per quanto abbia potuto osservare – ancora una volta non hanno cercato o comunque trovato approcci alternativi e differenziati: si sono arresi al ruolo di impiegati, ruolo apparentemente confortevole in cui loro stessi si sono calati. Non occorre essere Peter Senge per capire che questa “danza” si autoalimenta, in un vorticoso lose-lose.

Il risultato osservabile da chiunque è che insufficienze anche gravissime si sono trasformate in sei, e dei sette sono proporzionalmente lievitati a 9 e persino a 10, in previsione di lodi inconsistenti, che verranno concesse o non concesse al quinto anno. Cosa osservo? Che nei mediocri e in chi non si è impegnato si è confermata la legittima consapevolezza che il risultato arriva anche senza fare alcuno sforzo e che è molto più furbo ed efficiente non studiare (in effetti il pensiero è corretto: l’efficienza è massima se si ottiene la sufficienza comunque!). E non è da sottovalutare il noto meccanismo psicologico per il quale, quando si ottiene un risultato palesemente non meritato, chi lo riceve non ne trae soddisfazione, percependone l’ingiustizia e l’assenza di senso. Una seconda accelerazione sistemica centrifuga, quindi.

Ma osservo anche il duplice boomerang subito dagli studenti migliori: allo scoramento nel vedere i propri (seppur irrealistici e immeritati) altissimi voti prossimi alle insufficienze poi gonfiate, si aggiunge un’ansia e una gara a raggiungere “score” oggettivamente assurdi, che, ai miei tempi, non venivano assegnati che forse una volta in un quinquennio ai due o tre studenti più meritevoli di un intero istituto. E quest’ansia da performance, combattuta persino sui decimali, è legittimata e amplificata da un’applicazione per smartphone del Ministero dell’Istruzione, che, come in una sorta di bilancia da nutrizionista, fornisce la media e la media della media, nella distruttiva e immorale riduzione di una studente a un numero.

Per completare la carrellata dei protagonisti del brutto film, c’è – come dicevo – il corpo docente che abdica, uscendo dal ruolo per il quale è pagato e che per vari e palesi motivi preferisce non “creare problemi”, soddisfacendo tutti per evitare guai. Infine, i genitori, che vengono totalmente delegittimati nel loro modello di etica del lavoro, educazione, nesso tra impegno e risultato; penso all’assoluta maggioranza di genitori, che fanno sacrifici quotidiani, magari sopportando per anni situazioni difficili e frustranti pur di non mettere a repentaglio il tenore di vita della famiglia.

Per i motivi appena elencati, che hanno solo confermato le osservazioni fatte negli precedenti dieci anni scolastici dei miei figli, posso affermare che la scuola è proprio una maestra di vita e un fedelissimo specchio della società attuale. Maestra di mediocrità, di fallace illusione che i risultati arrivino comunque, di attaccamento psicopatico alla performance, di a-meritocrazia.

PARS CONSTRUENS

Oltre un secolo fa, Thomas Mass definiva la scuola “stagnante e deludente”; ciò mi fa pensare che da tempo immemore gli osservatori più sensibili e acuti fossero delusi dal sistema educativo, soprattutto da quando si sono venute a cristallizzare alcune equazioni false, autoreferenziali e autoritarie come: scuola=apprendimento, scuola=modellamento, a detrimento di una visione della scuola come luogo deputato allo sviluppo e alla fioritura delle identità, nel rispetto delle loro diversità.

Come cambiare rotta? Ricominciando a vedere la PERSONA, uscendo dall’approccio spersonalizzante da catena di montaggio e recuperando il senso della missione educativa. Mi raccontava ieri un’amica, che in passato, in Italia, i docenti giurassero, come lo fanno tuttora i medici, i parlamentari, i membri del governo, i pubblici ufficiali. E il giuramento, lo sappiamo bene, ha un valore simbolico profondo e complesso: è sì un impegno solenne davanti a testimoni, è sì un vincolo legale, ma lo ancor di più morale, promessa di onestà e lealtà che ha un elemento di sacralità… Tutto ciò segna una vera e propria cesura tra il prima e il dopo, ovvero definisce l’ingresso in una nuova fase della vita, mobilitando responsabilità, onore, credenze, valori, identità.

Spero che questa dimensione possa essere recuperata rapidamente, a favore di un processo di responsabilizzazione e sviluppo della dignità del sistema-scuola e, conseguentemente, del sistema-Italia. E, a un livello più alto, a favore di una coscienza sistemica, che, ai miei occhi, attualmente è assolutamente assente.

Per concludere: tanti anni fa lessi un libro francese di “coaching scolaire”. Nei Paesi più evoluti, da decenni il sistema scolastico – che ben sappiamo essere alla base della vita democratica, culturale, politica e produttiva del futuro – ospita interventi di professionisti come i coach, per stimolare il continuo apprendimento, il dubbio e un inarrestabile processo di sviluppo in ciascuno dei suoi attori e delle sue interfacce.

I’ve seen things you people wouldn’t believe…

“Blade Runner” diretto da Ridley Scott, 1982

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Picture of Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach MCC
Team Coach ACTC
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Voti sproporzionati, metodi non flessibili, ansia da performance, assenza di meritocrazia… Non è un nuovo film distopico, ma ciò che ho osservato anche quest’anno a scuola, in qualità di genitore. Il sistema-scuola necessita di un riorientamento, di cambiare rotta rifocalizzandosi sulla persona e recuperando il senso nobile e profondo della missione educativa...
Senza categoria
Gianfranco

Schola magistra vitae

Voti sproporzionati, metodi non flessibili, ansia da performance, assenza di meritocrazia… Non è un nuovo film distopico, ma ciò che ho osservato anche quest’anno a scuola, in qualità di genitore.
Il sistema-scuola necessita di un riorientamento, di cambiare rotta rifocalizzandosi sulla persona e recuperando il senso nobile e profondo della missione educativa…

Read More »
Un celeberrimo verso di Whitman recita: "Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)" Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi. Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

I contain multitudes

Un celeberrimo verso di Whitman recita: “Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)”
Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi.
Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.

Read More »
Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.
Senza categoria
Gianfranco

Insight

Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.

Read More »
Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!
Senza categoria
Gianfranco

Pater familias

Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!

Read More »
La nostra "Itaca", il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano. La "reason why" è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.
Senza categoria
Gianfranco

Itaca

La nostra “Itaca”, il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano.
La “reason why” è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.

Read More »
António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

António Lobo Antunes…

António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.