gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

António
Lobo Antunes

António Lobo Antunes…

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
António Lobo Antunes…

Chi mi conosce sa che sono astemio, non fumo, bevo solo due caffè al giorno e, se posso, evito persino il paracetamolo. C’è un mio Sé dominante – che si manifesta in tante sfere della mia vita – che rifiuta la perdita di controllo: negli ambiti appena menzionati, di certo male non mi fa; in altri evidentemente mi limita e ci lavoro, nelle mie possibilità.

Ebbene, nonostante la mia morigeratezza, credo di sapere che effetti dia la crisi di astinenza: infatti, la provo da oltre vent’anni, quando arrivo al termine di un romanzo di António Lobo Antunes…

Prima ancora che Don Abbondio me lo domandi, gli rispondo: il nostro Carneade è uno psichiatra, proveniente da un’influente e numerosa famiglia dell’alta borghesia portoghese, che alcuni decenni fa ha abbandonato la medicina per dedicarsi senza sosta alla redazione, nel suo studio, in piedi, del suo romanzo. Unico romanzo, sì, anche se si sviluppa in oltre trenta “libri” diversi.

Lo stile narrativo di Lobo Antunes è complesso e sperimentale, spesso caratterizzato da lunghissime frasi intricate e da una narrazione non lineare, che egli ama definire “polifonica”. I suoi romanzi sono densi di monologhi interiori e di riflessioni sulla condizione umana, esplorando temi come la memoria, l’identità, la guerra, il sopruso, il potere, lo strisciante totalitarismo quotidiano, il tempo, la vita, la morte, il passato, il presente, la grandezza delle intenzioni e la bassezza delle loro espressioni, il ricchissimo mondo interno e la mediocrità del vivere di tanti suoi personaggi, la tenerezza, la dolcezza, l’incomunicabilità, i sentimenti, i rimpianti. E l’amore, quello incondizionato, metafisico… Eventi reali e immaginari, personaggi di ieri e di oggi – magari tornati bambini, adolescenti o giovani nella memoria – colloqui presenti e passati, inventati o magari rivissuti parola per parola anche dopo decenni, vortici di soggetti e vortici di Sé, di possibilità e riflessioni, momenti altissimi e vergogne, eroismi e mediocrità, tanta nostalgia, mille metafore, invenzioni linguistiche, flussi di coscienza… tutto ciò popola, affolla e sgomita nelle migliaia di pagine della Grande Opera di António Lobo Antunes.

Perché ti parlo, oggi, di António Lobo Antunes? Prima di tutto perché la sua produzione rappresenta un pezzo importante della mia vita e poi perché, quando si parla di flusso di coscienza, dialogo interiore, stream of consciousness, si parla di Voice Dialogue, sempre e per sempre.

António Lobo Antunes è, lo scrivevo all’inizio, uno psichiatria e mi piace immaginare che proprio durante la sua esperienza professionale presso l’Ospedale Miguel Bombarda di Lisbona (narrata in “Memória de Elefante”, testo del 1979, non ancora tradotto in italiano) abbia imparato a cogliere, ascoltare, onorare e rappresentare i tanti pensieri, sentimenti, emozioni, voci, motivazioni, Sé che necessariamente popolano il nostro dialogo interno, affratellando individui “sani” e “malati”.

Probabilmente ignaro del Voice Dialogue, di certo António Lobo Antunes de facto ne è l’aedo, offrendo al lettore un affresco dettagliatissimo, vivo, struggente e laico della complessità e della ricchezza dell’esperienza umana e un accesso diretto alle menti dei suoi personaggi, che immancabilmente si esprimono – come potrebbero fare diversamente? – in prima persona singolare.

Quando mi innamorai di lui? Dopo la “capata” per José Saramago, non potei non inciampare in “In culo al mondo” e tra quelle lettere stillanti sangue riconobbi e, al tempo stesso, compresi in profondità le mie lunghe chiacchierate giovanili con malati psichiatrici e tossicodipendenti di lungo corso, conosciuti durante il mio periodo da obiettore di coscienza e anche successivamente. Le mie capacità di ascolto si erano allenate con quelle maree di parole che sfidavano realtà e sogno, il prima, il durante e il dopo del flusso “standard” del tempo, che mischiavano con disinvoltura i soggetti narranti (talvolta persino inanimati), e di colpo, con stupore, ritrovai quel setting, quella complessità, quella ricchezza di sentimenti espressi senza pudori, calcoli e ritrosie su pagine odorose di inchiostro.

Per ciò che scrive, per il servizio che svolge, per il mio vissuto, per la mia sensibilità, per il Voice Dialogue… ecco perché, per me, António Lobo Antunes è senza dubbio il più grande narratore vivente!

E da anni mi domando persino che senso abbia continuare a fare narrativa dopo Lobo Antunes…

Contattami per sapere di più sul Voice Dialogue e su come tu possa beneficiarne.

  

P.S: Nella sua modestia, caratteristica del vero genio, António Lobo Antunes afferma di essere stato influenzato da Faulkner, Céline, Proust e dal Joyce dell’Ulisse, ma a mio avviso nessuno è mai riuscito così plasticamente e realisticamente a riprodurre la ricchissima vita interiore dell’Uomo moderno. Ad eccezione, forse, di un numero di pagine sovrannaturali di Faulkner (soprattutto del Faulkner de “L’urlo e il furore”, quando fa esprimere il demente Benjy), in cui il soggetto pensante porta con sé anche un suo proprio vocabolario, cosa che il nostro autore non vuole o non riesce a fare.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Picture of Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Un celeberrimo verso di Whitman recita: "Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)" Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi. Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

I contain multitudes

Un celeberrimo verso di Whitman recita: “Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, (sono vasto, contengo moltitudini.)”
Secondo Whitman, chi si contraddice non è “difettoso” o “problematico”, ma al contrario ha molto da scoprire su se stesso, molto da mettere in discussione, molto da cambiare, molto da evolversi.
Un concetto, questo, molto vicino alla teoria del Voice Dialogue.

Read More »
Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.
Senza categoria
Gianfranco

Insight

Cosa si intende col termine “insight” nel coaching? Quelle intuizioni, quei momenti di illuminazione, quelle epifanie, che permettono al coachee di vedere la propria situazione da una prospettiva completamente nuova. Si tratta di esperienze molto potenti, sia per il coach che per il cliente, grazie alle enormi energie positive e costruttive di cui sono al tempo stesso portatrici ed espressione.

Read More »
Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!
Senza categoria
Gianfranco

Pater familias

Il Voice Dialogue e le Costellazioni Familiari mirano allo sviluppo della consapevolezza della persona e a un conseguente senso di armonia e benessere, sia a livello personale che familiare e sistemico; te li mostro un po’ più da vicino!

Read More »
La nostra "Itaca", il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano. La "reason why" è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.
Senza categoria
Gianfranco

Itaca

La nostra “Itaca”, il nostro obiettivo di vita, definisce chi siamo e guida il nostro percorso, creando un campo su cui coloro che condividono i nostri valori, obiettivi e sensibilità si sintonizzano.
La “reason why” è qualcosa di profondo, esistenziale: è il nucleo motivazionale che determina il nostro comportamento e le nostre decisioni.

Read More »
António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.
Senza categoria
Gianfranco

António Lobo Antunes…

António Lobo Antunes: a mio avviso il più grande narratore moderno. Colui che da decenni ci propone la sua riproduzione della complessa vita interiore dell’Uomo contemporaneo, con uno stile polifonico, profondamente affine al Voice Dialogue.

Read More »
Ho da poco conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.
Senza categoria
Gianfranco

Perché sono Team Coach

Ai primi di marzo ho conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.