gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

A tutto
SCHWA!

A tutto Schwa!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Perché se vedo lo schwa mi viene l’allergia. Perché le scorciatoie su temi seri, su temi per cui persone soffrono, sono discriminate, perdono la vita, combattono io non le accetto. Eccessiva facilità per me porta alla rapida archiviazione del problema, non all’impegno a risolverlo.

La settimana scorsa ragionavo di diversità, uguaglianza, differenze e negazioni. Oggi parliamo ancora di identità, ma di genere.

 

Come trovo violento e subdolo il racial colour blindness, così trovo stupidamente inutile e inutilmente stupido l’uso dello schwa. Quella specie di “e” capovolta – ovvero il seguente simbolo fonetico: ə –, che dovrebbe sostituire le desinenze maschili e femminili, risolvendo definitivamente e gloriosamente l’annoso problema delle differenze e delle discriminazioni di genere.

Mediante l’uso dello schwa (anzi: dellə ə, per meglio dire), si realizzerà quel sogno di inclusione, che ci porterà di certo verso una società migliore, aperta, equa, plurale. Lə ə come novellə “Solə dell’Avvenirə”: bellissimə!

Perché tanto sarcasmo?

Partiamo da un ricordo: oltre vent’anni fa, lunghi monologhi (da lui definiti “riunioni”) di un capo del Personale con i neo assunti con potenziale. Discorsi tanto formalmente ineccepibili, quanto totalmente distaccati dalla realtà. Lui scriveva libri, teorizzava modelli organizzativi perfetti: un grande teorico, di teorie totalmente ignorate e inapplicate nella sua stessa organizzazione. A livello pratico, in azienda meno del 10% di dirigenti era donna, giusto per fornire un incontrovertibile dato di realtà e ricollegarci al tema di oggi.

E lui come parlava? Ogni – dico OGNI, CIASCUNO – aggettivo, articolo, participio, ogni suono o borborigmo che potesse essere declinato, veniva ripetuto due volte, prima al femminile e poi al maschile, accordandolo col relativo sostantivo. Qualche esempio? “Benvenute e benvenuti a tutte e a tutti”, “Stamane, le vedo e li vedo molto interessate e interessati …”,  “Le nostre giovani laureate e i nostri giovani laureati da noi trovano …”

Un supplizio, una distrazione ininterrotta, un’attenzione che diventava maniacale e che, per giunta, era smentita dalla realtà.

Torniamo allə “ə”. Lo dice anche l’Accademia della Crusca: eliminando le desinenze, restano dei mucchi di lettere e pezzi di parole non più in relazione tra loro, svuotate di significato. Così come, mutatis mutandis, il negare le differenze annulla le persone, le storie e i significati di cui sono portatori e di certo non le include, così l’uso dello schwa non risolve un bel niente, ma crea confusione e imbarazzo, pur auto-assolvendo chi lo impiega.

Sono certo che molte persone utilizzano lo ə in buona, anzi in ottima fede. Penso a un mio splendido coachee e a due miei chiarissimi colleghi, per esempio. Ma il punto a cui sono molto sensibile non è formale, è sostanziale: sostituire “a”, “e”, “i”, “o” e “u” con “ə” significa semplificare, banalizzare, togliersi gli scrupoli, usare e farsi usare da un simbolo, archiviare una questione grave e seria con un semplice cambio di vocale, che – e questo è un altro tragico paradosso – non appartiene neanche a noi, alla nostra storia e al nostro alfabeto. Come dire: adottare una soluzione che non esiste. Lo stesso vale per l’asterisco e la “u” utilizzati allo stesso scopo, ovviamente.

Troppo facile. Ben altra cosa è impegnarsi a diffondere una consapevolezza di genere. Ben altra cosa è denunciare discriminazioni in atto, che da noi sono quotidiane e visibili. Ben altra cosa è approfondire. Ben altra cosa è aprire tavoli, dibattiti, ma non teorici: pratici! E non tra burocrati, politici, capi del Personale del tipo di quello citato poc’anzi, ma nella società, nelle scuole, con gli amici, i parenti, i colleghi.

E noi coach rappresentiamo senza alcun dubbio un modello di ruolo in questo contesto; basta ricordare che la bellissima e potentissima guida rappresentata dalle “ICF Core Competencies” culmina nella competenza denominata: “Facilitates client growth”. Una precisa responsabilità di noi coach a essere partner dei nostri coachee anche nell’integrazione delle nuove consapevolezze, delle intuizioni (insight) e degli apprendimenti nella loro rinnovata visione del mondo e nei loro nuovi comportamenti.

E chi come me non considera il coaching come un semplice mestiere, ma lo vive come un approccio generale alle relazioni, una forma mentis, ecco che questo impegno lo può e lo deve esplicare anche fuori dalla sessione di coaching, ovvero nella vita familiare, sociale, nel lavoro, nelle relazioni.

Delle volte sono pensante, me ne rendo conto … Allora chiudo con un po’ di leggerezza:

« Pe pe

Pe pe pe pe pe pe

Zazuera, zazuera.

A, e, i, o, u, ypsilon »

Lo vedi che neanche nella canzone c’è lo schwa?

 

Qual è il tuo punto di vista a riguardo?

Cosa pensi del mio?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Ho da poco conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.
Senza categoria
Gianfranco

Perché sono Team Coach

Ai primi di marzo ho conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.

Read More »
Senza categoria
Gianfranco

Catullo era un ignorante

Catullo, componendo “Odi et amo”, ha dimostrato di ignorare il Voice Dialogue. Sì, perché il Voice Dialogue ci fornisce un’immediata comprensione dei giudizi fortemente negativi e fortemente positivi che proviamo – talvolta a pelle – verso le persone che ci sono intorno.

Read More »
L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.