gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

E CHE 2023!

E CHE 2023!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Una riflessione sull’anno appena concluso, ma sarà tutto fuorché un bilancio! Piuttosto canzoni, libri, film, sorrisi, frasi...

Nove giorni fa – come tutti – ho salutato il 2023 e l’ho fatto con gratitudine. Alla parola “gratitudine” sento che dovrò dedicare un articolo a breve: difatti, gratitudine e consapevolezza sono le parole che meglio sintetizzano e simboleggiano per me l’anno appena trascorso.

Ma oggi, per ragioni molto diverse tra loro, non voglio parlare di bilanci e ancor meno di successi, sfide, performance (che Dio me ne scampi!), fatturati, fallimenti, accelerazioni, rallentamenti, insight, rimpianti, incontri meravigliosi, addii sanguinanti, alcune sensazioni di connessione profonda provate con amici, colleghi, coachee, con i miei figli. No: voglio piuttosto fare una carrellata delle “cose significative”, che più profondamente associo al 2023.

MUSICA

Anche quest’anno, la musica ha giocato un ruolo fondamentale nel mio percorso e nel mio quotidiano, e la canzone che più e meglio ha risuonato col e nel mio spirito è senza dubbio “Red river shore” di Bob Dylan.

Una canzone apparentemente d’amore, impregnata di terrore, amore, sgomento, religiosità, bellezza, morte, vita: un bilancio di una intera vita, tanto più significativo se scritto da un gigante come Bob Dylan. Alla mie orecchie, la girl from the red river shore non è certamente una donna, ma ciò che dà il senso alla nostra stessa esistenza, al nostro vagare; per me è qualcosa, per te che mi leggi senza dubbio qualcosa di diverso.

LIBRO

Il libro che più a lungo mi ha perseguitato, che mi ha occupato per decine e decine di ore è Ulisse di James Joyce.

Da venticinque anni desideravo leggerlo, ma sono evidentemente arrivato troppo tardi: nella mia attuale fase di vita, al livello di coscienza a cui sono giunto (magari infimo: non c’è vanto né giudizio di merito in ciò che ho appena scritto), un’opera come Ulisse mi è parsa semplicemente stomachevole: un libro presuntuoso, inutilmente prolisso, onanistico, una serie di esercizi di stile fini a se stessi, ad eccezione del vertiginoso, umanissimo ultimo capitolo, “Penelope”. No: non è stata una lettura difficile, non mi è sembrata neanche in un rigo un’Odissea moderna, in nessun momento ho colto il flusso di una coscienza in evoluzione. Persino il titolo, a seguito della mia lettura, mi sembra semplicemente blasfemo.

Oggi cerco altro, mi innamoro di altro, mi risuona ben altro, questo è certo.

 

FILM

Il film che più mi ha dato da riflettere è stato “È stata la mano di Dio” (lo so: è di due anni fa!) di Paolo Sorrentino. Sono voluto tornare svariate volte su un paio di scene del film, che mi sembravano ogni volta più chiare e più misteriose, al tempo stesso. Credo che la mia attrazione risieda nel senso di sviluppo della coscienza del protagonista, nel suo rito di passaggio e nell’inevitabile, per quanto dolorosa, consapevolezza della solitudine dell’uomo.

C’è altro? C’è un sorriso di un coachee, che mi ha scosso in profondità, per la bellezza e la purezza delle sensazioni di fiducia, apertura, amicizia e speranza che conteneva. C’è anche una sensazione di profonde intesa e amicizia ritrovata in un gruppo di amici vecchi e nuovi. Poi, del 2023 porterò con me la seguente frase, così controintuitiva nel contesto della conversazione in cui fu proferita, ma che mi ha generato un forte insight: “vivi con la consapevolezza di non avere alcun credito con il mondo”. Per me, essa è un invito ad assumersi tutte, ma proprio tutte le responsabilità verso la propria vita.

Non può mancare, infine, un’opera d’arte; sì, ho anche quella, ma è un ricordo troppo personale…


E il 2024? Lo costruirò – come tutti – passo dopo passo; fiduciosamente, avvalendomi del coaching e del Voice Dialogue, con una bussola nel cuore e una lanterna nella mano destra:

Difendimi dalle forze contrarie

la notte, nel sonno, quando non sono cosciente,

quando il mio percorso si fa incerto

e non abbandonarmi mai,

non mi abbandonare mai.

Franco Battiato, L’ombra della luce, 1991

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.