gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

L'IMPORTANZA
DELLE BARRIERE
NEL COACHING

L'importanza delle barriere nel coaching

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Ancora oggi – persino confrontandomi con coach con notevole esperienza – di tanto in tanto mi imbatto nel suggerimento di NON far esplorare al coachee le possibili barriere, i possibili ostacoli.

Perché?

Perché tale attività abbasserebbe lo slancio della sessione, ridurrebbe l’energia del coachee e la sua stessa spinta trasformazionale.

Appesantirebbe il clima.

Il coaching, lo adoro anche perché è plastico, tanto personalizzato quanto personale: contiene in sé il percorso intimo del coach, la sua stessa visione del mondo. *

Per tale motivo, è legittimo – anche se assolutamente non utile e funzionale, a mio avviso – sostenere una tesi simile.

Torniamo alle barriere!

Io sostengo, invece, il punto di vista totalmente opposto: il mio coaching ambisce all’espansione della consapevolezza del coachee **.

A mio avviso, non prepararsi alle barriere, non riflettere sul piano-B (anzi: su più piani-B), non provare a sperimentare molteplici punti di vista significa fare coaching a metà. Ridurremmo drasticamente la potenza della sessione e la valenza del suo output, rappresentato a livello profondo dall’espansione della consapevolezza del cliente e sul piano concreto da nuove azioni e nuovi comportamenti.

Prefigurandoci cosa potrebbe andare male, quale risposta non attesa potremmo ricevere, quale resistenza interna o esterna potrebbe opporsi, quale effetto secondario potrebbe attivarsi ci aiuta anche a capire meglio il contesto, a farci un’idea più ampia della situazione, a scandagliare i punti di vista e gli obiettivi delle altre parti in causa.

E a rafforzarci sulle nostre intenzione, o a modificarle, o a limarle, ampliando e amplificando in ogni caso la nostra consapevolezza sistemica.

Sì, sistemica.

Perché non si è mai delle monadi, degli atomi solitari, ma si è sempre immersi in un ambiente con le sue regole, norme e valori, si è sempre in interrelazione con altre persone, la nostra comunicazione e le nostre azioni e scelte sono influenzate e influenzano quelle degli altri.

[Piccola anticipazione: degli assiomi della comunicazione umana di Paul Watzlawick parleremo più in là.]

Da qui un altro motivo indiscutibile per prendere in considerazioni le barriere, all’interno delle sessioni di coaching: la presenza di così tante variabili in gioco comporta la necessità di un’attenta valutazione di ciò che potrebbe non andare come si vorrebbe, degli effetti su elementi del sistema, che non avremmo preso in considerazione in prima istanza.

Tutto ciò in un percorso a spirale.

Il lavoro sulle barriere permette – dicevamo – di tornare indietro su ciò che si era pianificato sino a quel momento, modificandolo, arricchendolo, rendendolo più solido.

Nel mio coaching è molto presente questa sorta di check anticipato, anche perché mi chiedo a cosa servirebbe dedicare tempo, energia e denaro per pianificare delle azioni e poi restare ammutoliti ed immobili di fronte a obiezioni o ostacoli, neanche lontanamente ipotizzati, ma spesso facilmente ipotizzabili.

Ho la fantasia delirante di poter prevedere tutto?

Assolutamente no!

Il contrario.

Ma lavorare e imparare a lavorare sulle possibili barriere future ci rende più flessibili e funzionali rispetto a ciò che che potrà accadere, anche se non era stato previsto.

E ciò in generale, anche se quello che accade realmente non è propriamente ciò che si era immaginato ed esplorato in sessione.

Ci si ritrova con una competenza in più, con flessibilità e agilità allenate.

Aggiungo che, soprattutto negli ultimi anni, non c’è stato coachee che non mi abbia segnalato l’utilità del lavoro sulle barriere, affermando che esso è stato una delle chiavi vincenti verso il successo, verso il grande cambiamento auspicato.

 

Stai pianificando un’azione importante? Soffermati sulle barriere, domandandoti:

  • Cosa potrebbe andare male?
  • Chi si potrebbe opporre?

E, poi, anche:

  • Chi potrebbe venirmi in aiuto?
  • Cosa potrebbe avvicinarmi al mio obiettivo?
  • Cosa posso modificare nel mio piano di azione, per aumentare le chance di successo?
 

 *: Da questa peculiarità del coaching nasce la centralità del chemistry meeting, ovvero della verifica del giusto “accoppiamento” tra coach e coachee; ma di questo aspetto parleremo poi.

**: “My conscience explodes”, direbbe Bob Dylan. Non posso descrivere l’emozione che ho provato quando, alcuni mesi fa, un coachee, in chiusura di sessione, mi ha detto proprio questa frase, senza conoscere “Visions of Johanna”!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.