gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

LA GRATITUDINE

LA GRATITUDINE

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Un paio di settimane fa scrivevo che “gratitudine” è la parola che meglio rappresenta il mio sentire dell’ultimo periodo: una sensazione che, negli ultimi tre o quattro anni, si è andata via via intensificando e che ormai fa parte del mio quotidiano.

Mi capita di sperimentare la gratitudine più volte al giorno, talvolta di fronte a gesti apparentemente insignificanti, altre volte mentre ammiro i colori pastello dell’alba sostituire il grigio della notte; molto spesso quando sono a contatto con la natura, in ogni sua forma, magari anche solo con le umili piante grasse del mio balcone; quando sono esposto a sentimenti ed emozioni che reputo veri, all’arte, alla grande musica; quando sono in compagnia di bambini, animali, persone anziane. E ogni volta che la provo, sono felice e ringrazio a mia volta.

Ciò che sto per scrivere non vuole essere presuntuoso o autoreferenziale: mi reputo e mi reputerò sempre un apprendista, con tutta la strada, in salita, ancora da percorrere. A mio avviso, la gratitudine è una forza trasformatrice, segno inequivocabile che abbiamo superato un livello nella nostra crescita personale. È la manifestazione di un equilibrio interno – sempre dinamico, come tutto nell’universo! –, ormai affrancatosi dalle performance, dalle prestazioni tangibili, e che ci avvicina alla soddisfazione del bisogno più alto dell’uomo, quello della crescita spirituale.

Se dovessi descriverla, direi che la gratitudine è una connessione emozionale, ma non un sentimento isolato: è parte di un percorso interminabile di consapevolezza, di comprensione di sé, che culmina nella sensazione di unione con l’intero universo. E questo senso di unità, di Unione con il cosmo, è proprio l’obiettivo di tante pratiche spirituali, dalla mindfulness alla meditazione, dalla preghiera a talune scuole esoteriche; tutte pratiche che, anche intuitivamente, per definizione, se svolte in gruppo, aumentano la loro potenza. Ce lo insegnava, tra gli altri, il filosofo e divulgatore armeno Georges Ivanovič Gurdjieff, per il quale la vera comprensione si manifesta solo attraverso l’esperienza comunitaria vissuta, e non attraverso concetti teorici studiati in maniera individuale.

E quando si accede a tali livelli elevati di comprensione e connessione, avvengono degli shift, si riesce a percepire altro oltre a corpo e mente… E proprio qui entrano in gioco la compassione e la gratitudine: se riusciamo a sperimentare la connessione profonda con tutto e con tutti, il nostro essere si apre naturalmente alla compassione e la gratitudine diventa la risposta naturale a un mondo che percepiamo non più come un insieme di entità separate, bensì come un tessuto interconnesso di esperienze e relazioni.

In conclusione, la gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Di questo viaggio verso la consapevolezza e verso ciò che di bello e rilevante ne consegue, il Coaching e il Voice Dialogue possono essere due elementi fondamentali, due fenomenali acceleratori: contattami per saperne di più!

C’è una sostanza pensante da cui procedono le cose tutte e che, nel suo stato originale, permea, compenetra e ricolma gli interspazi dell’universo. Un pensiero in tale sostanza produce la cosa dal pensiero immaginata. […] Si può riuscire ad essere in piena armonia con la sostanza informe, solo nutrendo, per i benefici che da essa ci vengono prodigati, una viva e sincera gratitudine. […] L’uomo può rimanere sul piano creativo soltanto unificandosi con l’intelligenza informe per mezzo di un continuo e profondo sentimento di gratitudine.

Roberto Assagioli

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.