gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

QUESTIONE DI
FEELING

QUESTIONE DI FEELING

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Dei rapporti che si creano con i coachee ne vogliamo parlare? Intendo quella connessione sincera e duratura, che si crea talvolta tra coach e coachee al di là e oltre le sessioni e i percorsi di coaching.

Nel vasto panorama del coaching professionale, l’elemento che, a mio avviso, distingue e caratterizza un Master Coach (e qui non mi riferisco alle credenziali ICF, ma alla maturità con cui si incarna ed esplica il proprio ruolo di coach) è la capacità di andare oltre l’erogazione di sessioni e programmi, instaurando un legame autentico e profondo con i propri coachee. Questo legame può trasformarsi in una vera e propria relazione di amicizia, che supera il tempo e l’ambito professionale da cui è scaturita: a me capita di frequente ed essere informato, anche a distanza di tanti anni, di cambiamenti professionali, personali e familiari, ricevere mail e telefonate “solo” per prendere reciprocamente notizie è sempre motivo di grandi gioia ed orgoglio.

Se volessi fare l’esercizio di estrapolare le competenze ICF più strettamente connesse alla creazione di questo “livello di relazione”, commetterei un errore: ciascuna di esse, infatti, ne rappresenta un tassello imprescindibile e insostituibile. L’etica è alla base di tutto, Mantenere gli accordi significa trasmettere senso di professionalità, serietà e affidabilità, diventando modelli credibili, Coltivare presenza e sicurezza permette di edificare un ambiente che emani empatia, interesse ed esperienza. L’evocazione della consapevolezza è connessa, tra l’altro, alla sensibilità e al coraggio che il coach deve mettere in pratica, a vantaggio della qualità del rapporto col coachee. Così come la facilitazione della crescita del coachee ci conferma nel ruolo di agenti di cambiamento e di trasformazione.

Nonostante ciò, credo che il trinomio composto da ascolto, rispetto e fiducia sia molto determinante in questo contesto e non è un caso che i tre elementi appena citati siano anche i cardini principali su cui si sviluppa il concetto di “presenza” del coach. Vediamoli uno per uno:

  • per ascolto intendo la capacità e l’interesse di ascoltare il detto e il non detto, i respiri, le emozioni, le sfumature, le energie e le loro mutazioni, il linguaggio e le parole. In questo, il Voice Dialogue mi aiuta molto e sento che fa la differenza sia nelle sessioni che nelle relazioni;
  • un clima di profondo rispetto permette di valorizzare il coachee per chi è, ma anche spronarlo a esprimere nuovi aspetti del suo potenziale, nel rispetto – appunto – della sua sensibilità, della sua storia e dei suoi valori;
  • la fiducia viene così alimentata dai precedenti due punti, potenziandoli a sua volta. Senza di essa, non si creerebbe quella percezione di “spazio sicuro”, che, alla base di ogni percorso evolutivo e trasformativo, prevede necessariamente e inevitabilmente ambiti di vulnerabilità.

Quando questi tre elementi si fondono, la presenza si amplifica; si può sviluppare, in tal modo, una relazione che persiste nel tempo, in cui i coachee hanno piacere di rendere il coach parte integrante della loro storia di crescita ed evoluzione. Non è la prima volta che lo scrivo e lo dico: essere coach non è solo una professione, ma un impegno duraturo verso il benessere e la crescita degli altri.

La mia idea che i veri coach creino connessioni umane significative, che resistono alla prova del tempo, mi porta a citare l’amato Carl Gustav Jung: L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati”.

Ti invito a ripensare a un rapporto professionale (con un coach, uno psicoterapeuta, un medico, un avvocato…), che è poi mutato in una piacevole relazione di amicizia.

  • Quali elementi del professionista hanno fatto sì che ciò succedesse?
  • In che modo tu vi hai contribuito?
  • Quali sensazioni ed emozioni ne trai?
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.