gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

ZUCKERBERG, JUNG,
L'UNIVERSO. E IO...

ZUCKERBER, JUNG, L'UNIVERSO. E IO...

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

C’è una teoria di Carl Gustav Jung, che ho impiegato anni a comprendere ed accettare, condizionato com’ero dal pensiero logico-matematico, deterministico e meccanicistico; mi sto riferendo alla sincronicità.

Iniziamo a dire che Jung sottolineava l’enorme differenza tra i concetti di “sincronismo” e “sincronicità“: il primo riguarda eventi che accadono nello stesso momento, ma senza alcuna connessione di significato e relazione, se non quella temporale. La sincronicità, invece, si riferisce all’idea che eventi esterni e pensieri profondi possano manifestarsi simultaneamente in modi significativi e solo apparentemente casuali: in altre parole, due eventi possono avvenire contemporaneamente perché connessi non secondo un principio di causalità, ma di “acausalità”, perché entrambi facenti parte dello stesso contesto e/o significato.

Questo concetto ci introduce dritto nella profondità delle relazioni tra mente e mondo esterno, splendidamente descritte da Marie-Louise Von Franz, allieva di Jung, che affermò: “Everything divided and different belongs to one and the same world”.

Jung si spingeva ancora oltre, affermando che l’Universo cerca di comunicare proprio attraverso gli episodi di sincronicità; le coincidenze, quindi, cessano di essere delle ricorrenze statistiche, ma assumono significati profondi, universali, archetipici. Ne consegue che i fenomeni sincronici si manifestano – ovvero, cambiando visuale, noi siamo particolarmente pronti a percepirli – soprattutto nei casi di grandi sollecitazioni emotive e affettive, come nei momenti di grande dolore (ad esempio in occasione di un lutto) o di grande piacere (come, per esempio, durante un grande amore o una grande passione).

OK, abbiamo capito perché Jung è citato nel titolo, ma Zuckerberg cosa c’entra?

Ho l’impressione che la sincronicità trovi nuove manifestazioni nel mondo digitale, proprio attraverso i social media come Facebook e Instagram e il cluster rappresentato da Google e YouTube. Non mi sto riferendo alla comparsa “automatica” su YouTube proprio di quel video di cui solo un attimo prima si stava leggendo qualcosa su Google, né a quella funzione di Facebook, che ripropone post pubblicati lo stesso giorno di qualche anno prima. Questi non rappresentano esempi di sincronismo o sincronicità, ma sono il mero effetto di funzionamento di un algoritmo, di un database.

No, penso ad altro: i social media, oltre che essere archivi statici, sono ormai anche curatori di contenuti dinamici e lo saranno sempre di più con la permeante diffusione – dichiarata o meno – dell’Intelligenza Artificiale. Ciò crea, e creerà sempre di più una sorta di effetto di “sincronicità digitale”, presentandoci contenuti che sembrano “magicamente” correlati ai pensieri e alle emozioni provati in quel determinato istante. È come se il concetto junghiano stesso di “coincidenze significative” si stesse ampliando, estendendosi nel digitale, unendo il mondo interiore e quello esterno, attraverso proprio i social media.

L’effetto? Un’atmosfera carica di significato, benché razionalmente sappiamo bene che dietro c’è la tecnica, c’è l’informatica. Ma la tecnica e l’informatica non fanno parte ormai e non sono prodotte proprio da quell’Universo a cui si riferiva Jung? Sì, ma non basta: il punto – qui determinante, chiave – è che non viene rispettato l’assunto della acausalità!

Nonostante ciò, data la nostra esposizione e la frequenza della nostra fruizione, i social media riescono a essere sintonizzati – seppure artificiosamente – col nostro sentire, trasmettendoci un senso accresciuto di “mistero” nella vita, dando sollievo, amplificando sentimenti come la nostalgia, il piacere o accrescendo il dolore.

Ora arriviamo all’ultimo elemento del titolo, ovvero all’“E io”.

Cosa mi ha condotto a queste riflessioni? Un mix molto intimo e profondo di ricordi, sensazioni, sincronicità, che sto provando da circa tre settimane. Il tutto relativo all’anniversario di uno di quegli incontri, la cui potenza detta un “prima” e un “dopo” nella nostra lifeline. E in questo tourbillon c’è piacere, bellezza, nostalgia, dolore, ricordi, una mostra d’arte contemporanea presso il Chiostro del Bramante… E poi Facebook che mi propone con disinvoltura un post di una stimata collega (Nicoletta Romanazzi, che NON seguivo su Facebook), che annuncia di aver partecipato all’équipe di una nuova esposizione proprio in quella sede, unendo il coaching alle emozioni e fornendo ai visitatori occasioni di sviluppo personale.

Detto così si capisce poco e sembra di poco conto, ma è tutto enormemente significativo e vivo per me…

 

 

P.S.: Ringrazio Serenella (Serenella Panaro, PCC) per avermi invitato a scrivere questo articolo e avermene suggerito il titolo, che, inizialmente, era molto più mistico…

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.