gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

La grande
bellezza

la grande bellezza

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
La risposta, a mio avviso, è nel Voice Dialogue!

Per anni ho considerato “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino il mio film preferito in assoluto, prendendo il posto occupato in precedenza da “Bianca” nel decennio dei miei quindici/venticinque anni e, poi, da “Tutto su mia madre” per i successivi quindici.

Domenica l’ho rivisto per la quinta volta e “non ho provato ciò che provavo prima” (ricordate l’alba magica in collina? Ottimo, anche io, ma con l’articolo di oggi non c’entra niente). La cosa mi ha molto turbato e non dipende dal fatto che guardassi il film ancora una volta; in passato, ho visto “Bianca” e “Tutto su mia madre” così tante volte da conoscerne a memoria i dialoghi e ciò mai a detrimento della potenza dell’opera e della mia reazione emotiva ad essa.

No, si tratta di altro. Mi spiego meglio: non è che ora reputi “La grande bellezza” un film modesto, resta per me un’opera molto significativa, ma con estrema difficoltà ripeterei i commenti che ho, invece, pronunciato per anni. Tipo: “il più grande affresco sulla morte mai riportato sul grande schermo”, “film di una potenza introspettiva ineguagliabile”, eccetera.

Oggi, invece, penso che sia un ottimo film sì sulla morte, ma nel senso di vuoto, di resa, non di dipartita: una denuncia spietata sulla forma e sul contenuto delle relazioni, della vita, delle attese, della società, del potere contemporanei.

Della mia ennesima visione mi sono rimasti attaccati più l’eccesso felliniano, i momenti comici, i personaggi grotteschi, il fastidio provato durante la scena della performance artistica, lo squallore illustrato in tante scene e io, a questi terreni, aderisco molto poco. Resta, però, intaccata la mia grande attenzione verso la descrizione di un’irreversibile solitudine dell’Uomo, cui invece resto molto sensibile.

Ecco la domanda: cosa c’è alla base del mio, del tuo, del nostro cambiare punto di vista e, di conseguenza, giudizio?

Quando accade?

Da cosa dipende?

Qui la mia sensibilità, i miei studi e la mia deformazione professionale mi portano dritto al Voice Dialogue.

Forse la risposta risiede nel fatto che siamo composti da una moltitudine di parti o voci o energie (Franca Errani, grande divulgatrice ed esperta del Voice Dialogue a livello internazionale, a questo riguardo, usa una bellissima immagine: caleidoscopio interiore. Ti consiglio di leggere il suo irrinunciabile testo “Il caleidoscopio interiore”) e che quella che si sta manifestando in me maggiormente in questo periodo non è sintonizzata con ciò che mi colpiva prima, ma è bensì attenta agli aspetti che ho appena enumerato. È infastidita dagli eccessi formali. È attenta a cogliere nelle varie scene e nei vari dialoghi momenti di banalità e un senso di déjà-vu.

È una voce che vuole forse anche sminuire Sorrentino e la sua opera. Un’energia che, invece di commuoversi durante il funerale del ragazzo, si concentra sui denti della Santa e sulla palese falsità del Cardinale.

Un Sé giudicante e infastidito dalle cazzate e dalla falsità.

OK, ho chiarito apparentemente il sintomo. Ma occorre andare più in profondità: a quale mio bisogno risponde questa voce emersa così prepotentemente?

In cosa è utile, oggi?

In che modo mi protegge e aiuta?

In cosa, invece, non è funzionale?

Non ti do le risposte, perché non sono interessanti, riguardando me, ma te le giro: quando è stata l’ultima volta che ti è capitato di riascoltare una canzone, rivedere un film, riguardare un’opera d’arte e di provare qualcosa di completamente diverso rispetto al passato? Proprio come se fosse una nuova prima volta.

Quale parte in te ora è sollecitata?

Quale lo era prima?

A quale tuo bisogno la colleghi?

In cosa è utile?

In che modo ti protegge?

E in cosa ti limita?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.