gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

LE SETTE REGOLE
PER AVERE SUCCESSO

le sette regole per avere successo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Nella mia intera vita di grande lettore, credo di aver ceduto solo tre o quattro volte alla tentazione di leggere un best seller, ricevendo generalmente la conferma che si trattasse di una grande boiata.

E, similarmente, ho sempre disdegnato quelle americanate di liste di regole “definitive”: le cinque regole per dimagrire mangiando, le undici regole per diventare ricchi senza lavorare, le sette regole per diventare muscolosi senza fare attività fisica e chi più ne ha, più ne metta. E “Le sette regole per avere successo” di Stephen Covey parte svantaggiato ai miei occhi, soddisfacendo entrambe le condizioni negative: è certamente un best seller, ed apparentemente propone una lista di regole.

Eppure, senza esagerazione, si tratta di un testo che mi ha permesso di cambiare radicalmente la visione e il mio approccio verso molti aspetti della vita, sia lavorativa che privata.

Cominciamo dal titolo dell’edizione italiana. Si tratta di una pessima traduzione del titolo originario: “The seven habits of highly effective people”, che vuol dire proprio un’altra cosa, ovvero le sette regole che accomunano le persone eccezionalmente efficaci, tra le tante altre che sicuramente possiederanno. Quindi, è un testo che tratta di approcci, di disciplina, di filosofia di vita, non certo di regole, rispettate le quali, si arriva dritto al successo.

Tra l’altro, quale sarebbe il significato oggettivo della parola “successo”? No, non voglio filosofeggiare, ma “successo” vuol dire tutto e niente, a seconda del momento storico, della persona, della società, delle condizioni del momento, delle sofferenze del momento, dei modelli, ecc. Stephen Covey, qui, ce lo spiega bene e, infatti, sceglie di parlare di efficacia, concetto che si può collegare a degli indicatori, rendendola quindi misurabile ed oggettiva.

Torniamo al libro: pubblicato per la prima volta nel 1989 da Stephen Covey – manager, professore, autore nato nel 1932 e scomparso nel 2012 – “The seven habits of highly effective people” subito divenne subito un best seller globale. Ormai, è definibile un “long seller”.

Di che si tratta? In superficie, di una serie di principi relativi alla vision personale, alla leadership, alla gestione, alla comunicazione e alle relazioni. Più in profondità, propone una determinata disciplina di vita, un percorso di sviluppo personale prima che manageriale, ovvero un modo di vivere. Ma oggi qui non parlerò del libro: se ti interessa, lo puoi leggere e arriverai alle tue personali conclusioni, che mi farebbe molto piacere che condividessi con me.

Cosa mi ha insegnato questo testo?

Innanzitutto un principio che mi ha letteralmente cambiato la vita: il “win-win”, che cerco di trasmettere da anni ad assistenti, colleghi, figli, e – se occorre e se le condizioni lo consentono – propongo ai miei coachee.

Si tratta di un sovvertimento totale dei principi di vita e di lavoro individualistici, imperanti dal dopoguerra e diventati sempre più radicali anno dopo anno: progettare, cercare, costruire la posizione di reciproco interesse e vantaggio. Quindi, fiducia, rispetto, paradigma di abbondanza. E non-violenza, aggiungerei io.

La saggezza di Stephen Covey si palesa non solo nei principi e nella loro descrizione, ma anche in frasi lucide come: “il paradigma vinco/vinci può sopravvivere in un’organizzazione soltanto quando i sistemi lo sorreggono. Se parlate in termini di vinco/vinci, ma il sistema premiante è secondo la formula vinco/perdi, avrete un programma perdente”. Questo esempio ti dà subito un’idea di come Covey non sia un teorico astratto, ma conosca molto bene la vita aziendale, le relazioni, padroneggi e proponga uno sguardo sistemico, mettendo in guardia da tranelli o superficialità, e sempre – dico sempre – spingendo positivamente alla consapevolezza e all’impegno.

Parlo di consapevolezza e di impegno, perché – tornando all’esempio del win-win e della chiosa sul sistema che lo debba sorreggere –, Covey incita ad avere una visione sistemica, ad individuare il VERO sistema sotteso e ad impegnarsi per modificarlo, nel caso in cui non sia già genuinamente e sinceramente a favore dell’efficacia e dello sviluppo, della fiducia e del rispetto.

Ci sono certamente altri grandi apprendimenti, come la distinzione, fatta propriamente a inizio del libro, tra “carattere etico” e “etica della personalità” e disquisizioni sulla sfera di coinvolgimento e sfera di influenza, sulle priorità, sulla pianificazione, sull’empatia, ovviamente sulla sinergia, sul percorso dalla dipendenza all’indipendenza e da qui all’interdipendenza: una miniera!

 

A cosa pensi, quando parli di “successo”?

A tuo avviso, oggigiorno, quali sono i difetti dell’approccio “win-win”?

E i pregi degli approcci “win-lose” e “lose-lose”?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »
La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.
Senza categoria
Gianfranco

La gratitudine

La gratitudine è più di un semplice ringraziamento: è l’effetto di un viaggio interiore che ci porta verso la consapevolezza profonda, la compassione e la comprensione della nostra vera natura, allontanandoci dalla performance, dalla reattività, dalla competizione, ancorandoci nel qui e ora. Così, si riconosce che ogni respiro, ogni suono, ogni sfumatura di colore, ogni emozione, ogni sensazione, ogni sentimento, ogni forma di vita sono parte di un quadro più grande, per quanto intricato e incomprensibile. Che non occorre comprendere.

Read More »
Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”. Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…
Senza categoria
Gianfranco

The gypsy’s wife

Una lettura Voice Dialogue di una grande canzone di Leonard Cohen, scritta durante le fasi della separazione dalla moglie: “The gypsy’s wife”.
Due polarità che si affrontano, ruotando e ballando attorno alla loro relazione naufragata, raggiungendo, infine, un più alto livello di consapevolezza. Esattamente come al termine di una seduta di Voice Dialogue…

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.