gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

БЕЛЫЕ НОЧИ
(NOTTI BIANCHE)

БЕЛЫЕ НОЧИ (NOTTI BIANCHE)

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

La settimana scorsa ho avviato un percorso di Executive Coaching con il Country Manager Francia di una multinazionale di beni di largo consumo americana.

Durante il chemistry meeting, egli mi aveva illustrato lucidamente il suo contesto attuale e le sue ambizioni, collegate al bisogno – avvertito come impellente, improcrastinabile – di avvicinarsi al suo “nuovo se stesso” e ai suoi reali valori. Il suo obiettivo pratico è avviare una realtà imprenditoriale, partendo da zero: un cliente pienamente nel mio target, che si era mostrato molto energico, volitivo, persino adrenalinico.

Iniziamo la prima sessione e, alla domanda “cosa porti, oggi, in sessione?”, lui mi guarda stanco e risponde con un tono di disfatta: “L’insomnie!”.

Dopo un mio “dimmi di più” di prammatica, mi confida che ormai è un anno che non dorme: ovvero dorme tre, massimo quattro ore a notte, dopodiché si sveglia e non c’è più verso di riaddormentarsi. E, poi, l’odioso, inevitabile copione: stanchezza cronica, desiderio di dormire per tutto il giorno, sospensione di ogni attività serale e sociale non obbligatoria, malumori in casa, nervosismo, reattività … Il tutto amplificato dal suo senso del dovere, che interpreta come obbligo a non mostrare debolezze, così come, peraltro, aveva fatto durante il chemistry. Come dire: fatica doppia, tripla …

Perché ho parlato di “copione”? Perché è estremamente ricorrente che, quando una situazione ci diventa insostenibile, quando i picchi di stress non si smorzano, diventando troppo prolungati, quando l’insoddisfazione aumenta troppo, l’organismo ci lanci messaggi chiari, messaggi che ci indeboliscono, appesantiscono, talvolta sfiancano. E molto spesso i miei coachee mi riferiscono che questi messaggi si palesano o iniziano a palesarsi proprio attraverso l’alterazione del ciclo del sonno.

Ma la buona notizia è che la soluzione è suggerita dal sintomo stesso, è contenuta in esso; basta solo domandarci cosa ci tenga svegli.

Quali pensieri?

Quali visioni si impossessano della nostra mente?

Quali previsioni siamo indotti a fare?

Quale altro sentimento si accompagna all’insonnia?

Quali sogni sono diventati ricorrenti?

E quali non si ripetono più?

Partendo da queste risposte, da soli o – molto più efficacemente – accompagnati da un coach o da un facilitatore Voice Dialogue, si arriva  a identificare specificamente le ragioni alla base del malessere. L’insonnia e le altre possibili manifestazioni psicosomatiche rappresentano non un nemico, ma un grande alleato nella comprensione di noi stessi. Alleato antipatico? Noioso? Invalidante? Invadente? Magari sì! Ma un alleato che facilmente possiamo accompagnare alla porta, se siamo pronti a intraprendere un percorso di conoscenza di noi stessi, di consapevolezza.

Nel caso specifico, già nel corso della prima sessione, il coachee ha avuto un insight, collegando l’impellenza della sua transizione professionale, la sua tendenza a procrastinare e proprio l’insonnia, per lui divenuta di colpo un pungolo a pianificare sin da subito il grande passo.

Se c’è qualcosa che ti tiene sveglio di notte, cosa è?

Quale messaggio ti sta comunicando?

Da quale condizione ti sta allontanando?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Ho da poco conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.
Senza categoria
Gianfranco

Perché sono Team Coach

Ai primi di marzo ho conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.

Read More »
Senza categoria
Gianfranco

Catullo era un ignorante

Catullo, componendo “Odi et amo”, ha dimostrato di ignorare il Voice Dialogue. Sì, perché il Voice Dialogue ci fornisce un’immediata comprensione dei giudizi fortemente negativi e fortemente positivi che proviamo – talvolta a pelle – verso le persone che ci sono intorno.

Read More »
L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.