gn_logo_marchio_bianco_oro
gn_logo_marchio_bianco_oro

L'UROBORO

L'UROBORO

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Negli ultimi quindici giorni ho tenuto due workshop, il primo dal titolo “Il permesso nella maestria” per la comunità RIVELO di Serenella Panaro, PCC e il secondo intitolato “Il coaching sistemico” per ICF ITALIA.

Semplificando, nonostante le diversità, posso affermare che il macro-tema dei due eventi era comune: l’evoluzione del coaching verso una dimensione e una sensibilità sistemiche. E il mio messaggio, in sintesi, era: “il coaching o è sistemico o non è”. Ci credo molto e non si tratta per niente di uno slogan ad effetto, né di una provocazione.

Se penso al system thinking, per qualche motivo mi viene in mente un testo per me fondamentale, letto e approfondito in più versioni: l’Epopea di Gilgamesh. Verso la conclusione dell’opera, Gilgamesh è ormai stremato dal lungo viaggio e dalle tante prove superate ed è soprattutto sconvolto per la morte dell’amico Enkidu, suo alter-ego, suo complemento, sua ombra. Egli è scosso anche perché ha ben compreso di non poter raggiungere in nessun modo l’immortalità; eppure, quando gli viene comunicata l’esistenza di una pianta marina capace di donare l’eterna giovinezza, decide di non lasciare nulla di intentato. Ecco allora che Gilgamesh si tuffa negli abissi marini e sradica la pianta, ma un serpente gliela sottrae e se ne ciba, mutando subito pelle, a dimostrazione della raggiunta immortalità. Così, il grande Re di Uruk prende definitivamente atto della irrinunciabile finitezza della vita umana.

Già in questa maestosa epopea di oltre quattromila anni fa, la serpe diventa emblema di immortalità e ciclicità; magari sbaglio, ma sento che l’origine dell’uroboro è proprio in quel serpente anticamente descritto sull’argilla, con caratteri cuneiformi. Ebbene, eccoci al protagonista di oggi: l’uroboro è un simbolo presente da millenni in numerosissime culture, che lo raffigurano come un serpente o un drago che si mordono la coda, formando un anello. Tra gli innumerevoli significati che gli si possono attribuire, tre sono quelli che considero più strettamente connessi alla sua natura intrinsecamente sistemica:

  • l’uroboro come simbolo di dualità e opposizione, una sorta di Tao dinamico, che unisce gli opposti in una danza come quella compiuta dal cane che cerca di mordersi la coda;
  • l’uroboro come simbolo dell’eterno ritorno, di continuità senza fine, di eterna ciclicità tra inizio e fine, nascita e morte, di connessione e fusione con il Tutto;
  • l’uroboro come simbolo di rigenerazione e ricostituzione: il serpente e il drago mangiano la propria coda, continuando a vivere proprio perché si cibano delle proprie esperienze e dalla propria consapevolezza.

In ambito più strettamente sistemico e costellativo, l’uroboro ben rappresenta il ciclo di interazioni all’interno dei sistemi familiari; e, aggiungo io, dei sistemi aziendali su un piano macro e dei sistemi individuali su un piano micro, pensandoci come una comunità di Sé (come ci insegnano Jung e il Voice Dialogue). Il concetto-chiave sottostante è il seguente: considerare il sistema – quale che sia – nella sua interezza, nelle sue interazioni, nei suoi scopi, piuttosto che concentrarsi unicamente o prioritariamente sugli elementi, sui problemi, sui “sintomi”.

Visto così, l’uroboro rappresenta la chiusura circolare delle dinamiche sistemiche, dove ogni nostra azione o interazione ha un impatto sul sistema nel suo insieme e influenza gli altri componenti del sistema in cui siamo immersi, creando un ciclo di interazioni costantemente rinnovato. Ciò, ovviamente, è anche alla base della creazione dei pattern, schemi di comportamento ripetitivi, che possono arrivare a propagarsi anche tra le generazioni.

Il nostro compito come coach sistemici è identificare i possibili pattern, riproporli ai nostri coachee e chiedere loro se questi schemi siano ancora funzionali, come quando vennero creati. Se la risposta è negativa, con le modalità proprie del coaching, il coachee individuerà pattern più aggiornati e funzionali e pianificherà le necessarie azioni per agirli.

Ecco perché, da sempre, l’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo per eccellenza dell’approccio sistemico.

Concludo citando Eraclito, che, in un’affermazione circolare come l’uroboro e che dà le vertigini, scrisse: “Tutte le cose sono Uno e Uno tutte le cose”

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Gianfranco Nocilla

Gianfranco Nocilla

Master Certified Coach
Executive & Transition Coach
Voice Dialogue Facilitator

All Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Ho da poco conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.
Senza categoria
Gianfranco

Perché sono Team Coach

Ai primi di marzo ho conseguito l’Advanced Certification in Team Coaching rilasciata dall’International Coach Federation e ho voglia di tracciare il percorso che mi ha portato sin qui e di riflettere sui motivi sottostanti.

Read More »
Senza categoria
Gianfranco

Catullo era un ignorante

Catullo, componendo “Odi et amo”, ha dimostrato di ignorare il Voice Dialogue. Sì, perché il Voice Dialogue ci fornisce un’immediata comprensione dei giudizi fortemente negativi e fortemente positivi che proviamo – talvolta a pelle – verso le persone che ci sono intorno.

Read More »
L'uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.
Senza categoria
Gianfranco

L’uroboro

L’uroboro, nella sua millenaria, evocativa pregnanza, è per me il simbolo dell’approccio sistemico, per eccellenza. Simbolo di dualità, ciclicità, ricostituzione e connessione col Tutto.

Read More »
La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film "È stata la mano di Dio". Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.
Senza categoria
Gianfranco

È stata la mano di Dio

La lettura Voice Dialogue di una scena magistrale del film “È stata la mano di Dio”.
Per vivere in maniera consapevole, senza alibi, per vivere nel presente, ci vuole coraggio, cor habeo, bisogna avere cuore.

Read More »
“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.
Senza categoria
Gianfranco

Change

“CHANGE sulla formazione e la soluzione dei problemi” di Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch è l’argomento dell’articolo pubblicato la settimana scorsa. Cambiamento, cambiamento2, paradossi, controintuitività, tentate soluzioni… Una messe di insight e concetti utili per chi si occupa di coaching e di sviluppo personale.

Read More »
Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.
Senza categoria
Gianfranco

Sogno o son desto?

Vivere significa vivere intenzionalmente. Cioè non essere il frutto reattivo di ricordi e avvenimenti passati, fantasie e preoccupazioni per il futuro, strategie di compensazione sul presente. Il resto è sonno.

Read More »

Le 3 fondamenta del processo di TRANSIZIONE

La Transizione è il passaggio da uno stato all’altro, è cambiamento, trasformazione, evoluzione.

Inizia il tuo personale viaggio verso il cambiamento, la soddisfazione, il successo che meriti.

Vuoi ottenere il Cambiamento che Desideri in Tempi Record?

Ti aiuto a fissare i Tuoi Obietti in modo Efficace e a Orientarti verso la TRANSIZIONE che desideri.

PRENOTA una call Gratuita con me

.
CredentialBadges_MCC_White
ICFTeamCoaching BIANCO-TRASP

Gianfranco Nocilla – Partita Iva 07135621212 – Codice destinatario: M5UXCR1

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.